Canihua, sarà boom come per la quinoa?